I migliori film dove cantano

Musica e cinema: i più bei film dove i protagonisti cantano. Storie di cantanti ma non solo. Dai gruppi rock a quelli a cappella.

Parliamo di film musicali, ma non musical. La differenza c’è: i musical sono più simili al teatro, si canta per tutto il tempo oppure si alternano parti recitate a parti cantate, di danza e di ballo. I film di cui parliamo qui invece sono film dove i protagonisti cantano. Opere dove la musica e il canto sono al centro della storia. Storie di cantanti, gruppi, ma non solo.

Altrimenti vedi anche: I migliori musical di sempre

Jersey Boys (2014)

jersey boys

Pop anni ’60. E’ la storia di un gruppo di giovani italo-americani che fondano i The Four Seasons, un gruppo pop americano di grande successo negli anni ’60. Basato sul musical “Jersey Boys” questo film diretto dal grande Clint Eastwood ricorda per ambientazione e stile il mondo di Martin Scorsese (sarà un caso, ma anche qua c’è Joe Pesci). La storia racconta l’ascesa, il successo, i litigi e le crisi di questo gruppi di cantanti, in un contesto di vita di strada, magia, gioco d’azzardo, seguendo il suo protagonista e leader, il cantante Frankie Valli.

The Blues Brothers (1980)

blue-brothers-ray-ban-wayfarers-sunglasses-shadesdaddy-giggsey

Un classico blues. Sono necessarie presentazioni? E’ praticamente un musical, ma per come è fatto e per i cantanti che partecipano, si differenzia dai musical tradizionali, ed ecco perché si trova qua. I Blues Brothers, John Belushi e Dan Aykroyd, sono effettivamente un gruppo musicale nato nello show Saturday Night Live. Completo nero, cappello nero, occhiali da sole, i due suonano e cantano il blues. Il film col tempo è diventato un vero e proprio cult movie e basta dire che tra i protagonisti – cantanti – ci sono James Brown, Ray Charles, Arewtha Franklin, John Lee Hooker e molti altri più o meno famosi.

The Commitments (1991)

Commitments-Film-Stills-17

La parabola di una rock band. Questo storico film di Alan Parker racconta la formazione di un gruppo rock di Dublino, in Irlanda: tre ragazze al coro, i musicisti e il canale. Una stramba compagnia che tra musica, alcol, storie sentimentali e divertimento, riesce finalmente a esordire nel primo concerto. Ma, come in tutte le band, anche qua si litiga. E’ il capostipite dei film sulla parabola delle band rock (e non). E la colonna sonora è diventata storica. Il protagonista, Andrew Strong – che nel film interpreta il cantante Deco Cuffe – è realmente un cantante e musicista irlandese e ha collaborato con Elton John, i Rolling Stones e altri.

Pitch Perfect (2012)

pitch perfect

Commedia musicale dove si canta a cappella. E’ la storia di due gruppi vocali a cappella, uno femminile e uno maschile. La protagonista è Beca, Anna Kendrick, che viene scoperta mentre canta sotto la doccia. Il gruppo, con le solite difficoltà, diventa affiatato, e tra problemi, litigi e canzoni, si arriva al campionato nazionale di cori dei college americani. In Italia è uscito prima con il titolo Voices, poi con l’originale Pitch Perfect. Nel 2015 è uscito anche il seguito “Pitch Perfect 2”. Non sarà un capolavoro, ma ha avuto successo, perché è un film divertente, dissacrante e trasgressivo (molti riferimenti sessuali), leggero e coinvolgente.

8 mile (2002)

8mile1

La storia di Eminem. Una storia di formazione per questo bel film, in parte autobiografico, con Eminem come protagonista. Qua il rapper ha dimostrato di essere anche un carismatico protagonista cinematografico. La storia è la sua: 8 mile è una strada di Detroit che divide il quartiere dei bianchi da quello dei neri. Lui, Eminem, si trova in mezzo: bianco in una zona di rapper neri, sogna di diventare un musicista famoso. Molto belle le scene dove Eminem canta, nei primi duelli rap – i freestyle dove ci sfida a colpi di rime – e finalmente vince la sua paura da palcoscenico. Naturalmente c’è anche una storia d’amore. Ha vinto l’Oscar per la miglior canzone, “Lose Yourself”.

Quando l’amore brucia l’anima – Walk the Line (2005)

Walk-The-Lin

Un cantante contro se stesso. Film biografico sul grande cantante country americano Johnny Cash, talentuoso e maledetto. Dai suoi esordi, i suoi primi tentativi di cantare e comporre canzoni, la vita on the road con un giovane Elvis e altri cantanti famosi degli anni ’50, fra droga e alcol, fino all’incontro con sua moglie June, una lunga e tormentata storia d’amore che finalmente porterà la pace nella vita del difficile Johnny. Bel film, molto classico, con un grande Joaquin Phoenix nella parte di Johnny Cash e soprattutto le sue bellissime canzoni. E’ interessante anche perché mostra quanto fosse trasgressivo e sfrenato lo stile di vita dei cantanti americani anni ’50, le prime vere rockstar.

Ray (2004)

ray film 2004

La dura vita di Ray Charles. Altro biopic musicale, film del 2004 dedicato a un’icona della musica: il grande Ray Charles. Con questo film, che narra la storia del cantante nero diventato cieco a soli 7 anni, l’attore Jamie Foxx ha vinto un premio Oscar come miglior attore protagonista. Si parla – e si canta – di musica, di quello stile inimitabile di gospel, soul, jazz e country caratteristico del grande cantante. Ma anche di razzismo, delle difficoltà della sua vita e della dipendenza da eroina. La colonna sonora, inutile dirlo, è composta da canzoni di Ray Charles ed è bellissima.

A proposito di Davis (2013)

a proposito di davis

Canzoni tristi nella New York anni ’60. Film dei fratelli Coen, ha come protagonista un malinconico e scontroso cantante, Llewyn (Oscar Isaac), una specie di Bob Dylan però sfigato. Aspirante cantante folk, si muove nei primi anni Sessanta a New York dormendo sui divani di amici, tra avventure bizzarre, freddo e neve, un gatto e una chitarra. Uno dei tanti “loser” raccontati dai Coen, in questo film ci sono delle belle canzoni e soprattutto una scena emozionante, quando il protagonista canta davanti a un produttore una malinconica e bellissima canzone e il produttore risponde “con questa roba non si fanno soldi”.

Dreamgirls (2006)

dreamgirls

La storia delle Supremes con Beyoncé. L’ascesa verso il successo delle Dreamettes, trio di cantanti afrocamericane che dal nulla diventeranno famosissime, con una lunga carriera di hit indimenticabili. Dreamgirls è in realtà la storia delle Supremes, storico gruppo vocale black degli anni’60. Quello, per capirci, di Diana Ross, qui interpretata dalla cantante Beyoncé. Tra gli altri interpreti Jamie Foxx (sì, anche qui), Eddie Murhpy e  Jennifer Hudson.

Commenta